Giovedì 11 agosto 2016 Galoppo e Trotto
Riforma dell’ippica in Gazzetta Ufficiale
Risultati immagini per Gazzetta Ufficiale
 

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Collegato Agricolo approvato da alcune settimane in parlamento e che nell’articolo 15 contiene la Riforma dell’Ippica e consegna la gestione del nostro settore ai “privati”,  vale a dire gli ippici stessi, chi si vorrà mai addossarsi una tale responsabilità al di fuori dell’ambiente?
L’ippica ha avuto danni incalcolabili e speriamo non definitivi, proprio quando è stata diretta da persone al di fuori di un comparto che necessita di competenza specifica e anche passione.
Le nuove disposizioni, che speriamo non siano adottate quando ormai i… cavalli saranno già scappati dalle stalle, prevede in materia di scommesse due novità importanti: tassazione sul margine e pay out minimo al 74% Nessun accenno al famigerato “sdoppiamento” dei due totalizzatori, altro problema non trascurabile.
Altri punti molto importanti che ripetiamo:

 Nei criteri della delega per il riordino degli enti, il comma 2 ne modifica alcuni, tra i quali, alla lettera 
a), è individuata la revisione delle competenze e il riordino anche a seguito dell'attuazione della disciplina introdotta in generale per la pubblica amministrazione, con modalità di chiamata pubblica atte a garantire indipendenza, onorabilità, assenza di conflitti di interessi, incompatibilità di cariche politiche e sindacali dei componenti".
Il comma 3 dell'attuale testo, è del tutto nuovo e direttamente correlato alla nuova delega in merito al riassetto del settore ippico nazionale, di cui la disposizione in esame contiene i criteri direttivi, elencati dalle singole lettere.
La lettera
 a) dispone il riordino delle competenze ministeriali in materia di ippica, incluse quelle riguardanti i diritti televisivi relativi alle corse, la disciplina delle scommesse, la permanenza degli attuali livelli di gettito da destinare al finanziamento della filiera, la riduzione delle aliquote da destinare all'erario a fronte di un eventuale aumento della raccolta delle scommesse.
La lettera
b) prevede l'individuazione di un organismo cui demandare le funzioni di organizzazione degli eventi ippici e di rendicontazione e ripartizione delle risorse provenienti dalle scommesse e dai finanziamenti statali, oggetto rispettivamente
delle lettere d) ed e), garantendo una rappresentanza delle diverse categorie degli operatori del settore nella struttura organizzativa.
La lettera
 e) stabilisce, per detto organismo, una qualificata partecipazione, per i primi cinque anni, di rappresentanti dei Ministeri delle politiche agricole alimentari e forestali e dell'economia e delle finanze negli organi gestionali e un successivo apposito organo di vigilanza sulla gestione dello stesso.
I criteri direttivi della delega concernente il riordino dell'assistenza tecnica agli allevatori e la disciplina della riproduzione animale, oggetto dell'attuale comma 4, sono stati modificati sia con la soppressione della funzione di tenuta del libro genealogico delle razze equine sportive alle relative associazioni di allevatori, sia con la modifica, nell'attuale lettera
 f), riguardante la possibilità di integrare il finanziamento statale finalizzato alle attività gestionali dei libri genealogici mediante fonti di autofinanziamento delle organizzazioni riconosciute. È inoltre stata introdotta una lettera
 g), che prevede l'accessibilità dei dati necessari per la prestazione dei servizi di consulenza aziendale da parte degli organismi riconosciuti, pubblici o privati.
 

segnala/condividi
questo articolo
prima pagina
+ ultime notizie
Copyright © Galoppo e Trotto