Giovedì 27 ottobre 2016 Galoppo e Trotto
Nasce F.I.A.G.T. e Intercategoriale Trotto
Si sa che certe volte le difficoltà logistiche creano non pochi problemi ai consumatori per intrattenere rapporti con le istituzioni, specie quando le risposte non arrivano, o arrivano a stento. Nel panorama ippico nazionale delle varie sigle di categoria, in quell'impaccio amministrativo della macchina Ministeriale, che, non ce ne voglia, ma mostra evidenti difficoltà di carattere gestionale, tali difficoltà hanno generato un ruolo per chi si è attivato per rendersi "utile (?)" a trasmettere informazioni, ed intrattenere addirittura rapporti di ordine amministrativo, talvolta anche autoproclamandosi, e non raramente riconoscendosi anche i meriti di obiettivi scontati e raggiunti purtroppo in deplorevole ritardo. Insomma, le opinioni in merito possono essere le piu' disparate, ma fatto sta che chi più chi meno ha cercato di provare a capirci qualcosa ed entrare nelle stanze dei bottoni, ma come é noto con scarsi risultati che ristagnano ormai da anni, perché, così rimanendo  le cose, non può essere altrimenti.
Alla luce della sperata attuazione di questo benedetto art. 15 del Collegato Agricolo (ormai quasi luogo comune) c'è chi invece a questa spirale dei dannati proprio non ci sta, chi ha la volontà di voler cambiare assetto, e chi a dispetto di quanto accaduto finora in questo settore, comprende bene che è saggio mettere da parte gli interessi settoriali e confrontarsi attorno ad un tavolo,  per cercare di decidere insieme le proprie sorti, e quantomeno provare ad esserne i protagonisti, anziché inermi subordinati e assistiti (male purtroppo) come allo stato attuale accade.
Con questi presupposti, Lunedi 24 Ottobre scorso, in una sala dell'Hotel Aran Mantegna di Roma, si è costituita la Federazione Italiana Allenatori Guidatori Trotto ( di seguito F.I.A.G.T.), con protocollo di intesa sottoscritto dai seguenti rappresentanti delegati dalle rispettive regioni di appartenenza:

  • MATTEO DI MEO (delegato dal Presidente Giovanni La Rosa - Delegazione Allenatori-Guidatori Regione SICILIA)
  • MARIO MINOPOLI (Vice Presidente con delega  Delegazione Allenatori-Guidatori Regione CAMPANIA)
  • ANTONIO STORTI (Presidente  Delegazione Allenatori-Guidatori Regione LAZIO)
  • SALVATORE DI LORENZO (Presidente  Delegazione Allenatori-Guidatori Regione PIEMONTE)
Scopo della F.I.A.G.T. è tutelare gli interessi ed instituire una rappresentanza unica e unitaria delle categorie di Allenatori e Guidatori, avvalendosi di Consulenti specializzati e competenti nei rapporti con le istituzioni.
I costituenti (finalmente) si sono impegnati a:
  • registrare presso l'Agenzia delle Entrate la costituenda Federazione, condizione essenziale ex lege per avere diritto ad intrattenere rapporti di natura ufficiale con le istituzioni;
  • agire autonomamente nella propria delegazione per quanto concerne le problematiche locali;
  • agire unitariamente per questioni di rilevanza nazionale;
  • conferire mandato all’avv. Annamaria Catalini (cassazionista), la quale si recherà  al Mipaaf con cadenza bisettimanale, se necessario settimanale, di rappresentare la F.I.A.G.T. al Mipaaf per problematiche quali pagamenti, rinnovo colori e altre questioni che hanno attinenza con l’attività ippica;
Contestualmente, F.I.A.G.T. e U.P.T (Unione Proprietari Trotto) in persona del Presidente Avv. Francesco Gragnaniello, constatata e condivisa una necessaria strategia unitaria ed inclusiva nel comune interesse collettivo ippico, hanno sottoscritto un documento per la costituzione dell' INTERCATEGORIALE TROTTO, organo rappresentativo degli interessi delle categorie ippiche tutte senza distinzione, il quale si riconosce negli scopi imprenditoriali di autonomia, e negli obiettivi dell'Organismo Ippico Italiano, cui ha aderito formalmente.
In giornata infine, nel pieno diritto, INTERCATEGRIALE TROTTO, ha presenziato la riunione del Consiglio Direttivo dell O.I.I. che ha visto impegnati piu' di 40 rappresentanti delle varie categorie, sigle sindacali e quant'altro, in rappresentanza di oltre 500 deleghe di adesione ufficiali (per smorzare qualche polemica segnaliamo oltre il 70 % costituito dal centro-sud del paese) , ed analizzare e deliberare in maniera condivisa gli argomenti dibattuti, dove il peso specifico  del lavoro e la base meritocratica dei soggetti operanti tutti,  sono stati posti come base imprescindibile, nonché condizione necessaria,  per l'impegno sociale e collettivo della riorganizzazione autonoma e riqualificazione del settore.

Roma, 24 ottobre  2016

Mauro Galandrini
segnala/condividi
questo articolo
prima pagina
Copyright © Galoppo e Trotto