Sabato 29 ottobre 2016 Galoppo e Trotto
“Dalla riforma della scommessa deve ripartire il sistema”
Pubblichiamo alcuni stralci dell'interessante intervista di Gioconews ad Aldo Migliaccio: 

Secondo lei che ruolo hanno le scommesse ippiche nella tenuta del settore e come devono essere riformate?
 “La risposta è molto semplice. Il settore con lo stanziamento attuale potrebbe, razionalizzando tutte le spese, sopravvivere, ma dovrebbe avere una prospettiva concreta di crescita delle risorse. La scommessa e le corse dei cavalli hanno uno storico legame sinergico ed è proprio dalla riforma della scommessa ippica che deve ripartire il sistema. In Italia l’offerta di gioco ippico è ingessata da anni e non si è adeguata alla domanda del mercato. La trasformazione dell’offerta deve partire da un’immediata trasformazione delle scommesse offerte, dobbiamo proporre un prodotto completo come è ora quello delle scommesse sportive che hanno sviluppato un’offerta dinamica e moderna anche grazie al palinsesto complementare”.
 
Come operatori, avete presentato delle proposte?
 
“Sì, abbiamo sviluppato alcune proposte che, prima dell’estate, sono state condivise sia dai concessionari di gioco che dalla maggioranza degli ippodromi. Il nostro lavoro è cominciato qualche anno fa ed il risultato ottenuto è sancito anche dal Collegato agricolo in cui sono indicati gli argomenti che abbiamo da tempo suggerito”.
 
Cosa si sente di chiedere al Governo affinché l'ippica italiana possa ripartire?
 
 “Di approvare i decreti attuativi in tempi brevi, ma di analizzare preventivamente tutte le variabili per costruire, insieme a tutti gli attori del comparto, un piano industriale forte che dia prospettive concrete e non sia l’ennesima lottizzazione degli spazi e dei ruoli accompagnata da un progetto che non sta in piedi”. Cosa dovremmo prendere dall'estero? “Tanto. Dovremmo avere la modestia di capire che molte cose dobbiamo copiarle e che se non cambiamo i format si spegnerà tutto in poco tempo”.
segnala/condividi
questo articolo
prima pagina
+ ultime notizie
Copyright © Galoppo e Trotto