Domenica 18 dicembre 2016 Galoppo e Trotto
"Ridurre il peso dell'imposta sul totalizzatore"
Una parte dell''intervista di Sara Michelucci a Emmanuele Cangianelli, partner di Mag Consulenti Associati pubblicata su Gioconews:
Risultati immagini per emmanuele cangianelli
Emmanuele Cangianelli

Quali sono le misure necessarie per far tornare il comparto ippico italiano a essere competitivo?

“Come ben indica la delega parlamentare, si deve agire subito per il restyling delle scommesse ippiche: ridurre il peso dell’imposta unica sul totalizzatore a favore del ritorno in vincite, generando l’effetto leva del rigioco; aumentare l’offerta con il palinsesto complementare, alimentato in particolare da molte corse estere di qualità, scommettendo su di esse con la semplicità della quota fissa, tassata sul margine; aumentare esponenzialmente la disponibilità e la qualità delle immagini che - oggi soprattutto per le corse estere - hanno un grande potere attrattivo.
La spendibilità delle scommesse ippiche è la condizione primaria per realizzare il disegno della delega parlamentare: diversamente, non ci sarebbero le risorse minime per far funzionare la nuova governance ippica che, pur affidata agli operatori di settore sotto la vigilanza pubblica, sarebbe destinata al fallimento. Per questo è altrettanto necessario che nel riordino della destinazione dei margini di filiera si agisca decisamente sulla riduzione di gettito dell’imposta unica sulle scommesse ippiche, da compensarsi ampiamente con la programmata riduzione dei contributi pubblici alla filiera: nel 2015, oltre a circa 84 milioni di euro di risorse dalle scommesse ippiche direttamente destinate alla filiera, il bilancio pubblico ha incassato 30 milioni dall’imposta unica su queste scommesse, ma ha dovuto integrare.
segnala/condividi
questo articolo
prima pagina
+ ultime notizie
Copyright © Galoppo e Trotto