Sabato 7 gennaio 2017 Galoppo e Trotto
Ippica-scommesse, non é più un tabù
Gentile Direttore,
da un po di tempo a questa parte, leggendo qua e la, mi è parso di capire che la rinascita dell'ippica è, ''forse'' legata alle scommesse.
Toh, a quanto pare qualcuno se ne accorto!! Questa presa d'atto, credo, meriti alcune considerazioni.
Ma l'ippica non era uno spettacolo per famiglie? Gli ippodromi non erano luoghi di svago? Le corse dei cavalli non erano uno sport sano, che mai avrebbero dovuto mischiarsi con quei loschi figuri che sono gli scommettitori? I pomeriggi alle corse, non erano momenti di aggregazione dove incontrarsi e magari fare nuove amicizie? Quante volte ci siamo sentiti ripetere che era una bestemmia associare la nobile arte della competizione tra animali alla venale passione per il gioco.
Ora, fatto salvo che le corse dei cavalli, almeno per tutti noi, sono una cosa MERAVIGLIOSA. Preso atto che ''Pantalone'', a breve, potrebbe non esserci più.
Quando la smetteremo di vergognarci della verità, cioè che il nostro mondo è legato indissolubilmente alla scommessa? Quanto nel rigo di sopra non mi è venuto in mente adesso, bensì più di 10 anni fa, lo scrissi proprio sul suo giornale.
Ma allora non se ne poteva parlare, senza che un ''puro'' ti etichettasse in malo modo Adesso NO.
Franchino Maisto
Adesso finalmente se ne parla Vedo con piacere che, siamo tutti diventati esperti di scommesse (statistici dell'ultima ora). Siamo tutti attenti alle percentuali della raccolta delle scommesse, invochiamo la quota fissa, proponiamo idee, diamo consigli, suggeriamo ricette, in pratica, veri e propri esperti di strategie della galassia giochi! Per tanto, ci preoccupiamo per l'eliminazione dei Lunedì, ci indigniamo, perchè il numero delle corse da disputare per giornata passerebbe da 8 a 7 per il trotto e da 7 a 6 per il galoppo e questo non per lo spettacolo, bensì, perchè ne risentirebbe l'andamento delle scommesse.
Quindi si può desumere che ormai sia caduto un tabù? Siamo tutti d'accordo che sulle corse dei cavalli si possa scommettere e che anzi senza gli scommettitori l'ippica non ha futuro? BENE sono contento!! Ci sono, a questo proposito, diversi esperti (questa volta veri) che da tempo stanno lavorando ad una rivoluzionaria e non più rinviabile, riforma delle scommesse, già al vaglio delle istituzioni preposte e sempre rimandata, o forse osteggiata, non si sa da chi ne tanto meno PERCHE'.
 
segnala/condividi
questo articolo
prima pagina
+ ultime notizie
Copyright © Galoppo e Trotto